Nam-June Paik, Pioneer di Video Art

Nam June Paik – Seoul, 1932 – Miami, 2006

Nam June Paik nasce a Seul (Corea) nel 1932. Compositore, performer, videoartista e grande sperimentatore mediatico, è stato uno dei protagonisti di spicco del movimento Fluxus. Laureato nel 1956 in Storia dell’Arte e della Musica all’Università di Tokyo, dove la sua famiglia si è trasferita a causa della guerra di Corea, approfondisce gli studi di musica contemporanea presso l’Università di Monaco di Baviera. In Germania entra in contatto con John Cage, Wolf Vostell e George Maciunas, fondatore del movimento d’avanguardia Fluxus, aderendo al gruppo e prendendo parte alle sue manifestazioni di sperimentazione musicale ed estetica.

TV Buddha

1963 inaugura la sua prima mostra personale alla Galleria Parnass di Wuppertall, un’installazione di 13 video-monitor le cui immagini venivano distorte attraverso l’uso di magneti. Nel 1964 si trasferisce a New York dove inizia la collaborazione con la violoncellista Charlotte Moormann. Nel 1965 filma il traffico newyorkese durante la visita di Paolo VI con la prima telecamera amatoriale appena lanciata sul mercato dalla Sony, filmato che presenterà lo stesso giorno delle riprese con il titolo “Café Gogo”, opera sancita come il primo video d’arte della storia. Nel 1970 costruisce con Shuya Abe il sintetizzatore video colori, un dispositivo che permette di creare immagini autonome senza referenze nella realtà, e nel 1971 lavora al WNET’s TV lab di New York.
Nel 1974 espone all’Everson Museum of Art a Syracuse (New York) e nel 1976 e al Kilnischer Kunstverein di Colonia. Nel 1982 il Whithney Museum of American Art di New York gli dedica un’importante retrospettiva.

Nel 1984 lavora a “Good Morning, Mr. Orwell”, una trasmissione intercontinentale in diretta televisiva realizzata via satellite, il giorno di capodanno, dal Centre Pompidou, Parigi e dal Museum of Modern Art di New York che vede coinvolti personaggi come Laurie Anderson, Peter Gabriel, John Cage, Merce Cunningham, Salvador Dalí e Joseph Beuys. Nel 1988 realizza “The More the Better”, una “torre dei media” per i giochi Olimpici di Seul costituita con 1003 monitor.

Nel 1990 tiene una personale a Reggio Emilia ai Chiostri di San Domenico.

Nel 1993 è ospite con Hans Haacke del Padiglione Tedesco alla XLV Biennale di Venezia, padiglione premiato con il Leone d’Oro.

Nel 1995 il Kunstmuseum di Wolfsburg gli dedica una personale, a cui seguono quelle del Solomon R. Guggenheim di New York, nel 2000 e di Bilbao, nel 2001. Muore a Miami il 29 gennaio 2006.

A partire dagli anni 70 le sue opere vengono esposte in musei d’arte contemporanea americani ed europei che dedicano all’artista coreano importanti retrospettive. Eletto membro dell’Akademie der Kunste di Berlino nel 1987, nel ventennio successivo si aggiudica premi e riconoscimenti in tutto il mondo.

Fonte: Rai Art, CLP

 

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.